Bellia Rosario

Manipolazione integrata BC Myofascial Manipulation Tools® con Blade e Fibrolisori

Prima pagina dell’opuscolo che viene consegnato ai corsisti

 Manipolazione integrata BC Myofascial Manipulation Tools® con Blade e Fibrolisori

Di seguito è riportato il programma completo del corso di Formazione per operatori SANITARI. L’offerta didattica spazia a 360°, quindi è integrata ad altre tecniche per il trattamento di manipolazione miofasciale che verranno illustrate.

Abbiamo avuto cura di combinare due metodologie applicative per fornire un’ampia offerta formativa sincrona:

  • Bellia Rosario: Applicazione Total body della Tecnica “Blade Bellia System” nelle disfunzioni del movimento
  • Comunale Corrado: Applicazione della Fibrolisi Diacutanea secondo Ekman e della FCF®  -Fibrolisi Connettivale e Fasciale- secondo Comunale.

Chiunque volesse organizzare un corso di formazione “Manipolazione integrata BC Myofascial Manipulation Tools® con Blade e Fibrolisori” presso la propria struttura può contattare l’Associazione Italiana Taping Kinesiologico®  3392724348 o Egi Academy Corsi in Italia di Corrado Comunale +393388009299oppure mandate una mail belliarosario@virgilio.it /bpfisio@gmail.com

L’uso di alcuni attrezzi supporta il trattamento manuale ed ottimizza i risultati terapeutici: le dita o i gomiti che si usano tradizionalmente hanno una superficie di contatto troppo grande e flessibile per raggiungere gli effetti desiderati, specie per l’aspetto di precisione e stabilità.

Questa metodica IASTM è un’evoluzione della tecnica orientale millenaria del GUA SHA (raschiare la FEBBRE), molto utilizzato nella MTC con una moltitudine di attrezzi con diverse forme e anche con materiali diversi (legno, osso, giada,….). però usata con interpretazione occidentale, ovvero quella di non creare volutamente un “danno” e con intensità adeguata.

Ultimi Studi scientifici significativi sull’utilizzo dei TOOLS:

  1. 28 febbraio 2017; 13 (1): 12-22. doi: 10.12965 / jer.1732824.412. eCollection 2017 Feb.
    Efficacia terapeutica della mobilizzazione dei tessuti molli assistita da strumenti per disfunzioni dei tessuti molli: meccanismi e applicazione pratica Jooyoung Kim 1, Dong Jun Sung 2, Joohyung Lee 1
    PMID: 28349028 PMCID: PMC5331993 DOI: 10.12965 / jer.1732824.412
    Questo articolo esamina il meccanismo e gli effetti della mobilizzazione dei tessuti molli assistita da strumenti (IASTM), insieme alle linee guida per la sua applicazione pratica. IASTM si riferisce a una tecnica che utilizza strumenti per «mobilizzare» i tessuti cicatriziali dai tessuti molli danneggiati e facilitare il processo di guarigione attraverso la formazione di nuove proteine della matrice extracellulare come il collagene. Recentemente è aumentato l’uso frequente di questi strumenti nel campo della riabilitazione sportiva e della formazione degli atleti.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27713575/

  • 2019 luglio; 54 (7): 808-821. doi: 10.4085 / 1062-6050-481-17. Epub 2019 19 luglio.

Mobilizzazione dei tessuti molli assistita dallo strumento: una revisione sistematica e un’analisi delle dimensioni dell’effetto

Cristina B Seffrin 1, Nicole M Cattano 1, Melissa A Reed 1, Alison M Gardiner-Shires 1

PMID: 31322903 PMCID: PMC6709755 DOI: 10.4085 / 1062-6050-481-17

 Obiettivo: determinare l’efficacia complessiva della mobilizzazione dei tessuti molli assistita da strumenti (IASTM) nel migliorare la gamma di movimento (ROM), il dolore, la forza e la funzione segnalata dal paziente al fine di fornire raccomandazioni per l’uso. Abbiamo anche cercato di esaminare l’influenza dello IASTM su persone reduci da lesioni e sani, sulla parte del corpo trattata e sullo strumento utilizzato.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31322903/

  • L’efficacia della fibrolisi diacutanea sul dolore, la mobilità e la funzionalità nei disturbi muscolo-scheletrici: una revisione sistematica e una meta-analisi

Aida Cadellans-Arróniz 1, Luis Llurda-Almuzara 1, Berta Campos-Laredo 1, Rosa Cabanas-Valdés 1, Alex Garcia-Sutil 1, Carlos López-de-Celis 1 2

PMID: 33103930 DOI: 10.1177 / 0269215520968056

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33103930/

Obiettivo: valutare l’efficacia della fibrolisi diacutanea nel ridurre i sintomi dei disturbi muscoloscheletrici come il dolore, la mobilità e la funzionalità.

Fonti dei dati: fino a settembre 2020 è stata condotta una revisione sistematica di MEDLINE, Cochrane, PEDro e Science Direct.

Risultati: la strategia di ricerca ha identificato 98 potenziali studi di controllo randomizzati e sei studi che hanno coinvolto 386 partecipanti, sono stati infine inclusi. L’intervento di fibrolisi diacutanea aggiunto al normale trattamento fisioterapico è stato confrontato con il gruppo di controllo. L’intensità del dolore immediatamente dopo il trattamento ha mostrato una differenza media standard (SMD) aggregata di -0,58 con intervallo di confidenza (CI) al 95% da -1,12 a -0,04 e nel follow-up più lungo l’SMD era -0,63 con CI al 95% (-1,21 a -0,05). La funzionalità ha mostrato un SMD aggregato di -1,02 con IC al 95% (da -1,67 a -0,36) immediatamente dopo l’intervento e un SMD di -0,84 con IC al 95% (da -1,54 a -0,14). Non è stato possibile includere il range di movimento nella sintesi quantitativa.

Conclusione: la fibrolisi diacutanea è un trattamento efficace, se combinato con la fisioterapia convenzionale, che riduce il dolore immediatamente dopo il trattamento e il follow-up a lungo termine e migliora la funzione sia a breve che a lungo termine nei disturbi muscolo-scheletrici.

  • 2018 maggio; 32 (5): 644-653. doi: 10.1177 / 0269215517738114. Epub 2017 31 ottobre.

Efficacia della fibrolisi diacutanea per il trattamento dell’epicondilalgia laterale cronica: uno studio clinico randomizzato    https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29086586/

Misure principali: l’intensità del dolore, la soglia del dolore da pressione, la forza della presa senza dolore, la funzione e la valutazione soggettiva sono state valutate al basale, alla fine del trattamento e tre mesi dopo il trattamento.

Risultati: i risultati tra i gruppi a tre mesi dopo il trattamento hanno mostrato un miglioramento statisticamente significativo del gruppo di intervento nella forza di presa senza dolore (media, 7,91 km / cm2; SD, 9,23) rispetto al gruppo placebo (media, 1,47 km / cm2; SD, 7,86) e al gruppo di controllo (media, 2,09 km / cm2; SD, 4,45) (valori di P <0,01 e <0,03, rispettivamente) e anche in funzione (media, 20,87; SD, 14,25) rispetto al gruppo di controllo (media, 4,17; SD, 18,02) (P <0,01). La valutazione soggettiva era statisticamente migliore nel gruppo di intervento sia alla fine del trattamento (P <0,01) che tre mesi dopo il trattamento (P <0,03).

Conclusione: la fibrolisi diacutanea aggiunta alla terapia fisica fornisce risultati migliori nel trattamento dell’epicondilalgia laterale cronica, con una maggiore soddisfazione clinica tra i pazienti.

Generalità sul Corso di Formazione Manipolazione integrata BC Myofascial Manipulation® con Blade e Fibrolisori di Bellia e Comunale

Introduzione Metodologica

Lo sliding miofasciale
I muscoli e le fasce durante il movimento assecondano il gesto muovendosi a diverse velocità e in direzioni differenti, scorrendo in maniera reciproca gli uni sugli altri. All’interno della stessa loggia muscolare le varie porzioni del muscolo si contraggono a velocità diverse, in base agli angoli biomeccanici e ciò è garantito da uno strato di connettivo lasso interposto fra i vari strati di fascia, che essendo ricco di «acido ialuronico» facilità lo scorrimento (L. Stecco)

Le patologie della fascia
Quando il tessuto connettivo viene danneggiato per traumi o sovraccarico funzionale si produce un’infiammazione fisiologica, che porta a un «rimaneggiamento tissutale». In giovane età tramite prima i macrofagi e dopo i fibroblasti si torna alla situazione fisiologica iniziale, e lo stato di salute.

a) invecchiamento:
i processi riparativi diventano incompleti ed il tessuto connettivo danneggiato da microtraumi, overuse, ecc.  non riesce ad essere riparato in maniera completa. Ciò induce un addensamento amorfo del tessuto connettivo con conseguente fibrosi dei tessuti circostanti.
b) microtraumi ripetuti: la situazione infiammatoria che è conseguente al trauma ritarda i processi ripartivi tissutali, nel caso di traumatismi ripetuti. Nel ciclo ripartivo fisiologico quando il danno è riparato i fibroblasti bloccano la loro attività, nel caso di microtraumi ripetuti la produzione di fibre continua creando un «esubero cicatriziale» dando origine alla fibrosi.

Sintomatologia
a) limitazione della mobilità articolare:
la presenza di zone con densificazione fasciale limita i movimenti e dà origine a delle aderenze muscolari ed articolari.
b) dolore locale e riferito:
nelle aree addensate ci può essere l’intrappolamento delle terminazioni nervose , che darà origine a dolore locale oppure riferito.
c) dolore peri articolare: gli addensamenti fasciali in zona periarticolare danno origine a squilibri nella trasmissione delle forze e delle tensioni dirette all’articolazione con conseguente dolore.
d) retrazioni: la difficoltà di movimento determina un progressivo accorciamento dei tessuti.
e) incoordinazione
f) disfunzione della propriocettività
g) diminuzione della forza muscolare
h) disfunzioni circolatorie
i) degenerazioni cartilaginee
l) tendinopatie

Trattamento delle disfunzioni mio fasciali:
Release Miofasciale:
è la fase in cui la fascia in seguito a stimolazioni meccaniche, termiche o chimiche, cambia localmente di consistenza o stato fisico (tixotropia), subendo una parziale deformazione strutturale di tipo plastico, a seguito del quale avviene un rimaneggiamento tissutale tramite i fibroblasti, secondo i principi meccanotrasduttivi (Stecco). Questa fase di release mio fasciale produrrà una «infiammazione controllata» della zona trattata che sarà alla base del processo di rimaneggiamento tissutale dei fibrobasti.

Caratteristiche del CORSO:

  • Numero massimo partecipanti: 24
  • Durata del corso: ci sono due moduli  

a) 18 ore di corso in due giorni 

b) 9 ore di corso in un giorno

Programma del corso:

  1. Corso BLADE Bellia System Integrato per il trattamento mio fasciale delle disfunzioni del movimento

Docente: Prof. Rosario Bellia

Il prof. Bellia Rosario è l’unico docente certificato in ITALIA per insegnare le tecniche di applicazione del Physioblade Prime®.

FINALITÀ GENERALI

Obiettivo del corso è fornire ai partecipanti le nozioni per una sicura e corretta applicazione delle metodiche presentate per intervenire rapidamente sulle disfunzioni dell’apparato locomotore nei programmi di recupero post traumatico e post chirurgico. Saper utilizzare in maniera sinergica gli strumenti che compongono il KIT BC Myofascial Manipulation Tools® per il trattamento delle disfunzioni mio fasciali.

  1. Conoscere i principi teorici e operativi della metodica di release miofasciale
  2. Imparare a conoscere e valutare i diversi quadri clinici che si possono presentare durante la pratica clinica
  3. Apprendere il trattamento fasciale con tecniche innovative utilizzando il Physioblade.

PROGRAMMA

  1. Generalità sul trattamento mio fasciale integrato con BLADE Bellia System:

       Metodologia: Applicazioni pratiche delle tecniche specifiche a piccoli gruppi.

  • Generalità sul trattamento mio fasciale e il concetto di FASCIA:
  • indicazioni e controindicazioni tecniche
  • generalità dei vari BLADE esull’utilizzo: Parrot Tool, Snail Tool, Stork Blade, ROOSTER TOOL, Magic Stick.
  • Manualità specifiche di applicazione del Blade Bellia System:
  1. Sliding – scorrimento
  2. Silent friction – frizione silente
  3. scrolling – scorrimento
  4. stripping frammentazione
  5.  transverse deep massage
  6.  press – pressioni
  7.  scraping – scavare
  8.  traction – trazione
  9.  smooth – staccare
  10. Generalità, indicazioni e contro indicazioni.
  11. Applicazioni pratiche su disfunzioni specifiche: cicatrici muscolari e cicatrici cutanee post traumatiche e post chirurgiche.
  12. Applicazioni del “Blade bellia System” in Medicina Estetica.
  13. Revisione del programma svolto, dimostrazione del docente.
  •  Corso FCF®-Fibrolisi Connettivale e Fasciale-

Docente: Corrado Comunale

Il docente da un ventennio si dedica allo studio e alla pratica quotidiana della fibrolisi. Nella sua carriera di terapista manuale in ambito clinico e sportivo, ha sperimentato diversi strumenti per la lisi, e questo lo rende un esperto quanto a selezione di quelli maggiormente appropriati a tal fine, distinguendoli tra quelli miofasciali e quelli chirurgici.

FINALITÀ GENERALI:

ISTM-FCF® Fusion

  • Il corso di “FCF® Fibrolisi Connettivale e Fasciale” integrato a tecniche interdisciplinari di modellamento tissutale, si pone come obiettivo di addestrare il discente all’uso dei ferri percutanei dedicati alla normalizzazione dei tessuti molli in risposta a condizioni anomale di addensamento e organizzazione.
  • Si suddivide in due momenti complementari tra loro: una parte del corso sarà dedicata all’uso dei tools miofasciali e l’altra all’uso dei ganci, appunto i fibrolisori.
  • La peculiarità di questo corso è che non verrà considerato solo l’uso del kit, che rimarrà in dotazione ad ogni partecipante, bensì una visione di interventi più variegata e globale; detta appunto “integrata”. È prevista una introduzione teorica con lezione frontale, che darà poi largo spazio alle esercitazioni pratiche le quali prevedono tecniche dirette, come da linee guida del precursore Ekman, e discutendo sul possibile utilizzo dei ganci, come altra tipologia di strumento in modalità IASTM e, quindi, non come fibrolisi tradizionale. Infine, si metteranno a confronto le due tecniche: IASTM, FIBROLISI e IASTM e FIBROLISORI “IASTM Style”
  • Il programma didattico non sarà vincolato alla scaletta sequenziale delle slides, fatta eccezione per la prima parte introduttiva, per mantenere alto il livello di attenzione e più stimolante l’interazione di tutto ciò che verrà presentato.

PROGRAMMA COMPLETO FCF®

Prima parte:

  • IASTM TOOLS

Seconda parte:

  • Breve presentazione della metodica: differenze tra la diacutanea e la fcf®
  • Differenza tra la fibrolisi medica e quella chirurgica
  • Origini della Fibrolisi secondo Kurt Ekman e cenni storici
  • Formazione degli esiti corpuscolari e aderenziali
  • Quando applicare la fibrolisi di primo livello (medica) e quella di secondo livello (quella chirurgica)
  • Illustrazione della frammentazione con gancio ed esecuzione della tecnica
  • Scelta delle strategie
  • Dispositivi e manutenzione
  • Indicazioni, controindicazioni e possibili effetti collaterali
  • Illustrazione di alcune alternative allo strumento ed esercitazioni pratiche di FCF®: dall’utilizzo come “Iastm” nel soft tissue alla demolizione degli esiti corpuscolari e aderenziali.
  • Trattamento delle Cicatrici
  • Esercitazioni pratiche sulla frammentazione corpuscolare e aderenziale (fase setacciatoria, classificazione, correzione)
  • Discussioni conclusive

Chiusura dei lavori e consegna attestati.

Se volete organizzare un corso di formazione “Manipolazione integrata BC Myofascial Manipulation Tools® con Blade e Fibrolisori” presso la Vostra struttura contattate l’Associazione Italiana Taping Kinesiologico®  +393392724348 o Corrado Comunale +393388009299oppure mandate una mail belliarosario@virgilio.it /bpfisio@gmail.com

Video Bellia System consigliati su Youtube:

  1. https://www.youtube.com/watch?v=kj5AbM8EKq8&t=282s (video di un corso)

2) https://www.youtube.com/watch?v=sNsf8PFGaGc&t=18s (Bellia Method)

3) https://www.youtube.com/watch?v=1zhDyJ2fEX4&t=5s (Il Physioblade)

4) https://www.youtube.com/watch?v=eWO2KvrdX8Q&t=29s (trattamento tendine d’achille)

5) https://www.youtube.com/watch?v=sps3WRBOps4 (trattamento cicatrice e Novafon)

6) https://www.youtube.com/watch?v=V0sEKRKJk2o&t=8s (trattamento cicatrici)

7) https://www.youtube.com/watch?v=pCy2nxIPtKc&t=18s (trattamento rachialgia)

8)https://www.youtube.com/watch?v=kWGT1iO_A_E&t=51s (algodistrofia post traumatica) 9)https://www.youtube.com/watch?v=dk3AmqQGkxk&t=21s (il Physioblade)

Ecco alcuni Lik di video applicativi che potete trovare nel canale di Corrado Comunale:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are bold.