Bellia Rosario

Artrodesi per tibiotomia da artrite reumatoide giovanile

 Postumi di  artrodesi per tibio-tomia della caviglia da artrite reumatoide giovanile

Donna di 40 anni con artrite reumatoide di lunga durata dall’età di 23 anni, con estesi danni articolari in classe funzionale II – III già trattata con diversi protocolli farmacologici con scarsi risultati. Da sei mesi terapia con etanercept con miglioramento clinico.

radiografia post operatoria   Fotografie-0077

La paziente è stata in cura in oltre con steroidi, con salazopirina, clorochina, methotrexate e leftunomide, ha iniziato la terapia con etanercept  per malattia molto attiva ( artralgie diffuse a mani, polsi, spalle, gomiti, ginocchia, caviglie e piedi, rigidità mattutina ai piedi e tumefazioni articolari diffuse, VES 123.

Cinque anni prima sinovialectomia alla caviglia sx con conseguente danno ai legamenti e postumi, deambulazione in postura molto viziata e compromissione alla colonna vertebrale.

Eseguito intervento di artrodesi con tibiotomia della caviglia sx.

Presso “Fondazione Centro S. Raffaele del Monte Tabor.

Fotografie-0079

La paziente presentava edema diffuso all’arto inferiore con parestesie urenti al collo del piede e scarsa mobilità articolare.

Protocollo riabilitativo:

  1. Mobilizzazione attiva e passiva dell’arto inferiore
  2. Massaggio di linfodrenaggio manuale
  3. Tonificazione generale dell’arto inferiore
  4. Applicazione del taping kinesiologico
  5. Rieducazione del cammino.

Conclusioni:

Dopo due mesi di trattamenti riabilitativi la paziente ha raggiunto un notevole miglioramento dell’autonomia personale e una gestione molto significativa del dolore. Al quinto mese ha iniziato a guidare l’automobile con cambio automatico e a svolgere la sua attività lavorativa di fiorista, con grande soddisfazione personale.

 

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are bold.